Che cos'è la birra artigianale?

In realtà è piuttosto difficile definire la birra artigianale. La definizione di birra artigianale data dal Cambridge Dictionary è "birra prodotta con metodi tradizionali in piccoli birrifici indipendenti", ma la maggior parte dei birrifici che oggi consideriamo affermati hanno iniziato in questo modo. Non esistono criteri rigorosi per stabilire cosa renda una birra artigianale tale, ma esistono alcune linee guida non vincolanti. I criteri sono: dimensione, indipendenza, gusto e qualità, ma anche questi sono vaghi e variabili. Forse una definizione non è nemmeno necessaria: le birre artigianali sono immediatamente riconoscibili dal loro gusto e dal loro aspetto. La rivoluzione della birra artigianale vive nel cuore di chi la beve ed è lì che si combatte da tempo!

Negli Stati Uniti, tuttavia, esiste una chiara definizione di birra artigianale. La US Brewers Association definisce un birrificio di birra artigianale come:

  • piccolo: produzione massima di 6 milioni di barili (circa 7 milioni di ettolitri) all'anno
  • indipendente: un massimo del 25% del birrificio può appartenere a una grande azienda produttrice di bevande
  • tradizionale: Il birraio deve impegnarsi a seguire metodi tradizionali e artigianali, il gusto non deve essere creato da aromi artificiali, ma deve provenire da ingredienti di produzione "puri".

Craft Beer Vielfalt

Produzione della birra: la storia dei suoi artigiani

Ma come si definisce una birra artigianale?

La produzione della birra, soprattutto quella artigianale, non è sempre stata così e la sua storia ha avuto degli alti e bassi. Fino al punto di parlare di una vera e propria rivoluzione: un qualcosa che ha capovolto e rivoluzionato profondamente il mondo della birra. Nonostante ciò, nessuno sembra sapere esattamente cosa sia davvero la birra artigianale! 

Divieto di produrre la birra

Questo evento è iniziato in America nel 1978, quando il presidente Jimmy Carter firmò una legge che revocava il divieto di produrre birra a casa. Questo perché, la precedente legge bannava la produzione e vendita di alcolici. Un periodo durato circa 13 anni, dal 1920 al 1933, chiamato Proibizionismo. 

Prima della proibizione, la produzione della birra era prevalentemente locale. E vista la grande popolazione di immigrati in America, la birra era diventata anche un modo per riconoscere la provenienza delle persone; per esempio: birra di frumento nelle aree tedesche, Ale in quelle inglesi e vino in quelle italiane. 

La rivoluzione americana

All’inizio del diciannovesimo secolo esistevano più di 4000 birrifici e, circa vent’anni dopo l’introduzione del divieto, i birrifici rimasti erano solo 1300. Tra tutti a trarne vantaggio è stata la produzione in larga scala che andava di pari passo con la pubblicità di massa. Cosa che ha spazzato via tanti birrifici più piccoli.  

Sorpassato il periodo nero della “proibizione”, sono stati solo una dozzina di birrifici a ricominciare e, la cosa sorprendente, è che la maggior parti di loro produceva solo Pilsner. 

La vera rivoluzione arrivò quando i consumatori iniziarono a ricercare sapori diversi ed alternativi alla Pilsner, considerando anche il fatto che le Lager americane hanno un sapore ancora più leggero rispetto alle nostre Pils. Migliaia di birrai non hanno perso tempo e si sono messi all’opera per rimediare a questa mancanza, iniziando a produrre diversi tipi di birra: dalle Stout, Porter e India Pale Ale alle Gose e Saison. Così facendo, hanno riscoperto vecchi stili di birra regalandogli una nuova vita. 

La crescita della birra fatta in casa

L’importazione della birra iniziava ad aumentare e gli americani iniziarono a mettere le mani sulle birre belghe. Una volta abolito il bando alla produzione di birra, centinaia di fan amanti della birra iniziarono a fare la birra in casa, ispirati anche dai gusti scoperti nelle birre importate. Alcuni di questi appassionati ha trasformato questo hobby in un vero e proprio lavoro, dando così vita a centinaia di microbirrifici. I consumatori accolsero questo fenomeno a braccia aperte e, con l’inizio del nuovo millennio, l’economia iniziò a crescere in modo estremamente rapido. Ad oggi, si possono contare circa due nuovi birrifici al giorno; oltre a più di 5000 già avviati. Un vero e proprio boom!

Craft Beer öffnen

Che sapore ha la birra artigianale?

Il gusto della birra artigianale è così diverso e variegato che non esiste una risposta univoca a questa domanda. La birra artigianale è spesso più aromatica e dal gusto più intenso di una "semplice" birra industriale, ma non sempre.

La birra artigianale può essere una IPA, ma anche una lager o qualsiasi altro tipo di birra. Dipende da come e con quale intenzione viene prodotta una birra per definirla "birra artigianale". Chi afferma "non mi piace la birra artigianale" deve aver provato tutte le birre artigianali del mondo e non averle apprezzate. I pregiudizi spesso ostacolano gli appassionati di birra classica quando si tratta di birra artigianale. Ma provare è meglio che studiare! Vi consigliamo di assaggiare alcune birre artigianali diverse e di farvi una vostra opinione.

Perché la birra artigianale è più costosa?

Il prezzo di una pinta di birra è spesso un argomento di discussione nel settore della birra. L'anno scorso, la Craft Beer Co è balzata agli onori della cronaca per la sua stout, venduta alla sorprendente cifra di 22,50 sterline a pinta (circa 500 ml). Sono stati pubblicati articoli di sconcertante indignazione sul prezzo della birra statunitense importata dalla catena. A sua difesa, i clienti hanno sostenuto che gli ingredienti sono costosi e che la stout in questione aveva un ABV particolarmente elevato, pari al 12%.

Si tratta ovviamente di un esempio estremo, ma è qui che risiedono i principi del perché si può pagare di più per una birra artigianale. Spesso le birre artigianali vengono vendute a prezzi superiori per riflettere gli ingredienti grezzi, il tempo e l'abilità necessari per produrle. Le birre artigianali sono destinate a essere gustate e assaporate, quindi in questo caso la misura con cui si bevono è più ridotta. Perfezionare gli strati di sapore, creare profili aromatici complessi, affinare l'alchimia delle note e procurarsi lieviti artigianali richiede tempo e competenza. I birrai artigianali sono ossessionati dalle minuzie, per garantire che ogni goccia che presentano sia perfetta come l'ultima. Senza la produzione di massa e i macchinari su larga scala, si tratta di un investimento enorme. È vero che una birra artigianale può costare di più al litro, ma il suo sapore è ancora più delizioso.

Craft Beer - was ist das genau?

 

Come si beve la birra artigianale?

Le birre artigianali sono destinate a essere degustate e godute in modo adeguato. Non vanno "buttate giù" o "trangugiate". Anche la temperatura gioca un ruolo importante: più la birra è fredda, meno si sviluppano gli aromi.

Per bere si usano spesso bicchieri da degustazione; teoricamente esiste un bicchiere per ogni stile di birra, ma un bicchiere a tulipano (da vino) può essere usato per la maggior parte.

Un'altra grande tendenza è quella di abbinare la giusta birra artigianale con il giusto spuntino. Una IPA si abbina molto bene a cibi piccanti o a una pizza al salame, una birra acida si sposa bene con il pesce o con l'insalata (simile a quella bianca) e una Stout arrostita si sposa benissimo con un dessert cioccolatoso. Abbiamo abbinamenti tra birra e cibo per iniziare, ma vi consigliamo di provare e trovare le vostre combinazioni preferite. Metà del divertimento sta nell'esplorare e provare da soli!

Dove si può acquistare la birra artigianale?

Per molto tempo la birra artigianale è stata disponibile solo in speciali "negozi di birra artigianale" o acquistata direttamente dal produttore. Ora è possibile acquistare la birra artigianale molto più facilmente. Tuttavia, il modo più semplice è ordinare direttamente qui su Beerwulf dove potete trovare una selezione di birre artigianali in versione Fusto e Confezione di bottiglie.

Fusti Artigianali su Beerwulf

Edizione limitata
-15%
Novità
-15%