Alla scoperta della birra fruttataci sono tanti gusti di birre alla frutta da scoprire ed ognuna con un gusto diverso e adatto ad ogni occasione

La birra fruttata, la adoro! Durante una giornata estiva preferisco una versione fresca e aspra come l’Oude Kriek, mentre in inverno ne preferisco una più matura...difficile resistere agli aromi di vino di Madeira e Porto. Oppure, cosa ne pensi di una birra acida ai lamponi o albicocche?

Ci sono numerosissime birre che possono essere prodotte con la frutta, oltre alla Lambic per esempio puoi trovare anche la Witbier, ma in generale si può provare con qualsiasi tipo di birra. In questo articolo, voglio raccontarvi quelle che sono le birre alla frutta più tradizionali, ma voglio anche coinvolgervi in quelle che sono le ultime tendenze e miscele. 

Kriekenlambiek e Oude Kriek

La birra fruttata più famosa è sicuramente la Kriek. È una birra Lambic rinfrescante e leggermente dolce. La tradizione vuole che la Oude Kriek venga prodotta con le ciliegie della Galizia, mentre la Kriek Boon è fatta con entrambe le Lambic, quella giovane e quella matura, insieme all’aggiunta di 250 grammi di ciliegie per litro. 

Per la birra Oude Kriek una fase della fermentazione avviene nella bottiglia e questo dà come risultato una percentuale di alcol più alta rispetto alla Kriek.  La birra può stagionare anche due anni in bottiglia per poter raggiungere il gusto desiderato. Infatti, il gusto si evolve se viene lasciata più a lungo nella bottiglia. Un’altra versione, la birra Oud Beersel Oude Kriek, contiene ancora più ciliegie, ben 400 grammi per litro. 

Lambic

La Lambic si differenzia da tutte le altre birre per la fermentazione con lievito spontaneo o selvaggio. Il mosto d’orzo maltato ed il grano non maltato (almeno il 30%) sono esposti all’aria esterna, creando così un sapore aspro e particolare. Viene poi messa in botti di legno dove viene fermentata con l’influenza dei sapori della precedente birra. La Lambic invecchiata, che matura in queste botti per tre anni, può poi essere mescolata con la Lambic più giovane. Più è lungo il processo di stagionatura e più complessa diventa la birra. Nella Lambic i luppoli vengono fatti maturare per almeno un anno per smorzare il sapore forte e amaro. 

Lambic alla frutta

Le birre Lambic possono essere prodotte con diversi tipi di frutta e non solo ciliegie, per esempio con lamponi, come la Linderman’s Framboos, ma anche con pesche, mele, uva e ribes nero. Ci sono anche delle Lambic che vengono amalgamate sia con frutta fresca sia con succhi (oppure con solo succo) e questi possono essere aggiunti giusto prima della stagionatura. Inoltre, ci sono delle Lambic alla frutta addolcite con dolcificanti e caramelle di zucchero. 

Birra al lampone basata sulla Flemish Oud Bruin

Un ottimo esempio di birra al lampone è la Bacchus Framboise, creata sulla base della Bachhus Oud Bruin. Questa birra Flemish Oud Bruin è amara, acida e con accenni di aceto balsamico. I lamponi vengono fatti affondare in questa birra per equilibrare il gusto tra dolce e amaro. Nel sorseggiarla si ottiene un formicolio sulla lingua con un leggero tocco di caramello, un leggero retrogusto di lampone ed una leggera acidità. 

Birra commerciale alla frutta

Chiamiamo una birra commerciale alla frutta quando il succo di frutta, il concentrato o gli estratti, vengono aggiunti senza iniziare una nuova fermentazione. Queste birre hanno un gusto più fruttato e dolce. Per esempio, la birra rosé ha una base di birra bianca alla quale viene aggiunto il succo di frutta rosso. Concentrati di frutta come lime, mela, fiore di sambuco, basilico e ananas possono essere anche aggiunti. Un esempio è la Liefmans Yell’oh dove sono stati aggiunti per creare un mix esotico. 

Birre Sour con frutta e miscele fruttate

Le birre Sour stanno diventando di tendenza e al momento sono la base più popolare per la birra alla frutta. La Walhalla’s Aphrodite Berliner Weisse è una Sour prodotta con un’enorme quantità di lamponi freschi. 

E cosa ne pensi di BrewDog? La loro Quench Quake è anche una Sour ed è come una limonata per adulti. Non è completamente dolce, ma piuttosto rinfrescante e amara. La frutta viene anche aggiunta alle birre IPA per enfatizzare il carattere degli aromi, come per esempio l’uva o il sanguinello. Recentemente ho assaggiato una miscela di una IPA e una Sour con rabarbaro, si tratta di una birra fresca, fruttata e leggermente acida con un carattere luppolato con effetto WOW. Inoltre, le birre Milk Stouts sono anche fatte con lamponi freschi e more. 

La gamma di birre alla frutta è in continua crescita. I birrifici continuano a sperimentare nuovi stili, tecniche e tipi di frutta, ma anche strane combinazioni di miscele. Ancora una volta: le birre alla frutta sono fantasticamente sorprendenti!

Leggi anche...

Il lievito per la birra e la fermentazione
Miti sulla birra da sfatare
Eventi e festival in Italia